Cereali e tuberi: una storia millenaria

Quando parliamo di cereali e tuberi non si può far altro che pensare alle origini della storia alimentare. Coltivati, esportati e venduti da millenni in tutto il mondo, i cereali e i tuberi tutt’oggi rappresentano una delle colonne portanti dell’alimentazione umana, protagonisti anche della nostra dieta mediterranea.

I cereali, fonte primaria di carboidrati, con il loro costo ridotto e le svariate proprietà nutrizionali sono fondamentali per l’uomo e, proprio per questo motivo, sono diffusi in tutto il mondo.

I tuberi sono la seconda fonte di carboidrati dopo i cereali e forniscono un apporto di minerali e vitamine superiore a qualsiasi altro alimento. In particolar modo la loro importanza è strategica nei Paesi in via di sviluppo, dove sono alla base dell’alimentazione di milioni di persone.

Quanto sono diffusi?

I cereali sono le piante più coltivate su scala mondiale, occupano più di 700 milioni di ettari, superficie pari alla metà di quella coltivata, e possono assicurare una produzione di circa 2,5 miliardi di tonnellate l’anno. Le colture di cereali sono in grado di resistere anche a condizioni ambientali sfavorevoli, lì dove altri vegetali faticano a crescere. Inoltre i cereali possono essere conservati facilmente soprattutto sotto forma di farine e sono molto digeribili grazie alla presenza dell’amido. L’adattabilità a climi diversi, la facilità di conservazione e l’alta digeribilità ne determinano la grande diffusione sul pianeta.

La maggior parte della popolazione mondiale segue infatti una dieta a base di cereali e tuberi. Basti pensare che solo cinque cereali – riso, grano, mais, miglio e sorgo – forniscono il 60% dell’apporto energetico alimentare mondiale. Per circa 700 milioni di poveri in Africa, Asia e America Latina le radici e i tuberi sono alla base della loro dieta e ne rappresentano la principale fonte calorica. Da questi dati si può intuire il ruolo centrale dei cereali e dei tuberi nella sicurezza alimentare. Proprio per questo motivo, è fondamentale promuovere la protezione della biodiversità di questo tipo di alimento. Sono oltre diecimila le varietà diverse di cerali e tuberi, anche se oggi purtroppo non tutte continuano a essere coltivate.

Dove possiamo trovarli a Expo 2015 Milano?

L’Università degli studi di Milano ha sviluppato i contenuti del cluster dei cereali e tuberi, presente a Expo Milano 2015. I cluster sono dei “padiglioni collettivi” dove più paesi partecipano insieme per sviluppare un determinato tema. I paesi partecipanti al cluster dei cereali e tuberi sono sette: Bolivia, Congo, Haiti, Mozambico, Togo, Venezuela e Zimbabwe.

Per quanto riguarda il design della struttura, il compito è stato affidato a Joel Meyerowit. Il cluster è formato da 7 edifici ricoperti di juta, collegati da un corridoio centrale che ospita le diverse piante di tuberi e cereali, creando una distesa verde e gialla che ricorda i campi coltivati. Alcuni pannelli informativi guidano i visitatori alla scoperta di mais, grano, grano saraceno, fonio, frumento, orzo, miglio, quinoa, segale e sorgo, per quanto riguarda i cereali, e patata, topinambur, igname, manioca per quanto concerne i tuberi.

Il cluster ha lo scopo di mostrare la grande varietà di cereali e tuberi presente nel mondo e di far sì che le persone comprendano l’importanza della tutela della biodiversità del nostro pianeta.

Scritto da Daniele Esposito nell’ambito delle attività del Multimedia Center del progetto EAThink 2015

Lascia un commento