Siamo sicuri di quello che mangiamo?

Solitamente tra la realtà e le immagini dei prodotti alimentari esiste una differenza abissale. La pubblicità è spesso ingannevole, le immagini sono sovente “ritoccate” sebbene la legge lo vieti.

Perché gli hamburger di McDonald’s sono più belli in foto che dal vivo? Perché prima di fotografarli c’è tanto lavoro in “sala trucco” e qualche tocco in Photoshop.

Le immagini pubblicitarie sul cibo, quindi, non sono veritiere?
La risposta è no! Spesso infatti gli alimenti presenti nelle pubblicità vengono trattati affinché sembrino più belli; anche girando per gli scaffali del supermercato, capita spesso, di trovare confezioni dall’aspetto affidabile, che riportano scritte come “naturale”, “tradizionale” o “100% italiano”, ma non sempre sono veritiere.

Anche quotidianamente è possibile imbattersi in questa differenza tra immagine e realtà: basti pensare a quando in un ristorante, in un bar o in un qualsiasi fast-food  le immagini dei prodotti alla carta siano molto diversi da quello che poi viene servito al tavolo. Un semplice esempio è la cioccolata calda del bar, che in foto risulta cremosa e invitante, mentre in realtà è molto liquida e spesso delude le nostre aspettative.

 

Anche sulle confezioni appaiono immagini di paesaggi belli e naturali che non rispondono alla realtà: galline felici ruspanti, fattorie solari e tranquillizzanti…

 

Alessandra Molino

Giorgia Prandi

Federica Nicosia

 

Photo Credit: Tom’s Hardware